Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2010

Nel precedente post avevo previsto la facile vittoria della Lega Nord nelle regioni del Nord.

Nel Veneto il Carroccio ha raggiunto percentuali “turche” superando ampiamente il PDL,per non parlare della continua crescita in Lombardia,Piemonte e sorprendentemente in Emilia Romagna,la regione rossa per eccellenza.E’ chiaro che Bossi avendo 2 suoi uomini nelle regioni più produttive del paese(Piemonte e Veneto)e un vice-governatore nella fortezza Lombarda,cercherà di forzare la mano al fidato alleato Tremonti per velocizzare l’avvio del federalismo fiscale ormai diventato un “mantra”.

Accanto alla riforma del Federalismo Fiscale si sta pensando di attuare una riforma negli assetti del potere esecutivo,istituendo una forma presidenziale della Repubblica.Ovviamente rafforzando i poteri legislativi e finanziari delle regioni si dovrà rafforzare anche “il supervisore” della Repubblica e quindi dell’unità nazionale per non rischiare possibili appetiti secessionisti;il Presidenzialismo può essere la carta giusta,soprattutto se eletto dai cittadini.

E’ inutile dire che il centro-sinistra  perdendo nelle regioni più popolose d’Italia come Veneto,Lombardia,Piemonte,Lazio e Campania può considerarsi assolutamente polverizzato,perfino Grillo è riuscito a creare problemi al disastrato partito di Bersani,del resto con una classe dirigenziale composta dalla Bindi e Realacci dove possono pensare di avere consensi?

Esclusivamente nelle roccaforti rosse come Emilia-Romagna e Toscana dove fin dal dopo guerra non c’e stato mai un cambio di colore politico,sembra pazzesco ma è proprio così.

Da notare nel Lazio la vittoria al foto-finish della Polverini, classico esempio dell’influenza del Vaticano nella vita politca del paese,allarmato di poter avere al potere una donna come Emma Bonino,radicale fin dalla nascita e abortista convinta.

Annunci

Read Full Post »

Non se ne può più di queste continue inchieste giudiziare sul Presidente del Consiglio,questa infinita faida tra la magistratura e il potere esecutivo,sono 15 anni che non si parla d’altro,15 anni nei quali l’Italia è dentro un tunnel al quale non è riuscita ancora ad uscire.Le statistiche parlano chiaro,nell’ultimo decennio siamo cresciuti di una media dello 0.30 %.Questi dati dovrebbero far preoccupare tutti, andando avanti di questo passo il declino sarà inevitabile,e quello che fa ancora più rabbia è pensare che il dibattito politico sia sempre il solito,ovvero le inchieste giudiziarie.Cosa vogliamo aspettare?La gente è stanca e alle regionali mi aspetto una sonora sconfitta da parte del centro-destra,la Lega Nord invece vincerà tranquillamente in Piemonte e Veneto.

Già ad ottobre 2009 avevo parlato delle necessità di avviare una stagione di riforme strutturali (Questo è il momento delle riforme)ma i segnali odierni non sono buoni,anzi sono deprimenti.

Berlusconi se avesse veramente a cuore le sorti del paese dovrebbe smetterla di parlare di riforme della giustizia e dell’uomo perseguitato,deve finirla di lamentarsi di programmi politici a lui non favorevoli,deve rispettare quello che ha promesso nel programma,rivoltare come un calzino un paese ormai invecchiato e privo di idee.

L’Italia non è la Russia o l’Arabia Saudita le quali possono creare ricchezza vendendo le proprie risorse naturali ma ha notevoli risorse umane che l’hanno portata ad essere fra le prime potenze economiche mondiali,solo con la forza delle nostre idee possiamo rialzare questo paese.Berlusconi ha già governato dal 2001 al 2006 e ora siamo già al secondo anno di governo,i risultati sono molto scarsi,capisco la difficili congiuntura economica mondiale ma la coalizione di centro-destra non è mai riusciata o non ha mai voluto OSARE ovvero rischiare riforme vere e proprie per il bene del paese,magari perdendo consesi.

In questa fase Repubblicana del nostro paese ogni tanto ripenso a cose disse Alcide de Gasperi :

“Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione. »

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: