Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2011

 

Al Nord e particolarmente a Milano spira un nuovo vento, un vento capace di neutralizzare in poco tempo tutte le certezze e sondaggi posticci del Monarca di Arcore e  i continui rutti leghisti. La strategia del killeraggio politico e della menzogna questa volta non ha pagato, e il primo a farne le spese sarà il Premier. La traballante maggioranza parlamentare costruita con il mercato delle vacche dovrà reggere l’onda d’urto della tempesta milanese e la vendette del triumvirato leghista, Bossi&company  non staranno a guardare la barca che affonda e presenteranno sicuramente il conto al Cavalier Pompetta. Per i leghisti infatti è il tempo di leccarsi le ferite, la cosiddetta Padania invece che allargarsi ed espandersi nelle radure padane vede restrigere i suoi confini, con la perdita massiccia di voti rispetto alle regionali del 2010, fino al 5% a Milano. Da sottolineare il boom dei “grillini” che con poche migliaia di euro e una politica 2.0 sono riusciti ad ottenere oltre il 3% nella città meneghina, fino ad arrivare al 10% nella capitale dell’ex impero comunista Bologna.

E’ ormai lampante il disagio degli italiani verso il Grande Imbonitore di Arcore, il mix micidiale di minorenni marocchine, magheggi all’EXPO 2015, palazzinari vari e bombardamenti alla procura di Milano hanno devastato la pazienza di milioni di italiani di tutte le idee politiche.

E’ inevitabile che senza uno straccio di programma e iniziativa politica vera per il paese  la fine del Berlusconismo sia sempre più vicina, pur possedendo un impero mediatico e finanziario unico nel mondo occidentale e capace di orientare l’opinione politica di milioni di italiani con telegiornali asserviti e maniacalmente faziosi. (TG1, TG4,TG5, Studio Aperto)

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: