Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2010

Ogni volta che leggo gli articoli del “The Guardian” sorrido amaramente a causa della loro ipocrisia dedita a screditare l’Italia.Leggendo questo articolo “Il sud europa si rifiuta di ridurre la forza lavoro senza lottare”  gentilmente tradotto dagli autori di Italiadallestero sono rimasto basito dalle falsità scritte da questi pseudo giornalisti inglesi che paragonando l’Italia a paesi come Grecia,Spagna e Portogallo dimanticano le grandi difficoltà dell’economia d’oltremanica.

E per questo che mi pongo un paio di domande:

Perchè gli inglesi non parlano mai del loro deficit arrivato ormai al 13%?
E’ ovvio che il The Guardian ormai ridotto a tabloid cerchi di inserire l’Italia nei paesi pericolanti,l’astio verso il nostro governo di centro-destra ormai è noto a tutti ma questa propaganda inglese ha raggiunto il ridicolo.Il nostro deficit è al 5%,perchè questo ridicolo giornalista non lo ha scritto?
Ma nessuno nota l’ipocrisia di questo articolo?
Come può paragonare il nostro paese a Grecia,Spagna e Portogallo?Lo sa che l’Italia è il secondo esportatore dopo la Germania?e questi maestri inglesi dove sono?Perchè non ha parlato delle ultime stime della Commisione Europea che vede una crescita inferiore alle attese della Gran Bretagna un +0.6 e l’Italia invece un +0.7?
Gli attacchi della stampa brittanica sono veramente pietosi,hanno un economia disastrata e parlano come se avessero in conti in ordine e una crescita del Pil del 10%,non ho veramente parole.
Non ci vuole una laurea in economia per capirlo,basterebbe utilizzare i dati che forniscono le organizzazioni e non sparare nel mucchio.
Mi fa molto sorridere tutte le persone che prendono questi articoli come la bibbia e l’oro colato,senza un minimo di ragionamento logico.

Mi sembra ovvo che questi attacchi al nostro paese siano fatti ad hoc per nascondere i disastri fatti dalla finanza inglese e americana attaccando paesi apparentemente più deboli ma che hanno un economia VERA basata sulla produzione di beni e non sulla speculazione.Fa anche  sorridere che inglesi e americani abbiano un debito doppio rispetto al nostro,basta sommare il debito pubblico con quello privato e l’Italia si trova nettamente meglio dei 2 paesi anglofoni grazie al risparmio delle famiglie italiane.Perchè questi dati vengono trascurati?Sarà forse che la Sterlina e il Dollaro abbiano perso molto della sua importanza e valore nel mondo nei confronti dell’Euro?

Read Full Post »

La politica estera del governo Berlusconi segna un altro successo importante in Israele.E’ indubbio che il Cavaliere pur avendo tutti i suoi difetti ci sappia fare molto bene con i leader stranieri,la sua arte di persuasione è grande e l’accoglienza di Israele all’amico italiano è stata notevole ed unica,visto che mercoledì il Presidente del Consiglio avrà l’onore di parlare alla Knesset,il Parlamento Israeliano.Gli israeliani ovviamente non lasciano niente al caso,e cercheranno in questo vertice governativo di convincere gli italiani a dare un chiaro segnale al regime iraniano,l’interscambio commerciale Iran-Italia è schizzato quasi a 8 miliardi di euro(siamo secondi solo dopo la Germania)  e a Gerusalemme i falchi vogliono sanzioni subito.

Le forze armate israeliane hanno da un pò di tempo nel mirino Teheran e un attacco militare preventivo non è così remoto,il Mossad(Servizio Segreto dello Stato di Israele)avrà sicuramente i suoi uomini infiltrati pronti a dare il via libera all’attacco.

E’ per questo che Benjamin Netanyahu sta sondando le maggiori potenze europee nel tentativo di sfiancare il regime iraniano prima nel settore economico,una guerra con l’Iran sarebbe dura e pericolosa per il calderone mediorientale,non dimentichiamoci che gli iraniani hanno rafforzato molto il loro apparato militare restando comunque molto inferiore a quello israeliano che ha capacità di deterrenza nucleare.

La politica estera italiana si sta muovendo molto bene e come ha spiegato il ministro degli esteri Frattini sta dando fastidio a qualche paese europeo rivale,vedi Francia,Gran Bretagna e Germania,irritate da una vitalità diplomatica italiana inaspettata.I rapporti privilegiati con i russi e gli americani sono i cardini della nostra politica estera,come stanno a dimostrare i continui segni di affetto arrivati da Mosca e da Washington,è indubbio che il peso dell’Italia nello scacchiere del Mediterraneo sia ancora notevole,un paese di 60 milioni di abitanti e con un economia che ha appena superato quella inglese si deve tener conto per forza.

L’obiettivo principale della diplomazia di Roma è entrare a far parte del dossier iraniano,e al vertice di Londra Frattini ha potuto constatare i primi risultati essendo stato invitato dal Segretario di Stato Usa Hillary Clinton ad un vertice ristretto dei 5+1 ovvero Stati Uniti, Cina, Russia, Francia e Gran Bretagna, più la Germania.

Questi risultati stanno dando molti fastidio alle maggiori cancellerie europee,nel futuro dovremo aspettarci possibili sgambetti.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: